Scuola Elementare : Finalità educative della scuola primaria

La nostra Scuola Primaria si fonda sui principi della pedagogia montessoriana, ponendosi l’obiettivo di accompagnare il bambino nel suo percorso formativo attraverso un graduale e sereno processo di scoperta ed affermazione di sé nella propria totalità e individualità:

Gli obiettivi perseguiti sono:

  • autostima e fiducia: conoscenza delle proprie capacità, crescita della stima e sviluppo delle potenzialità;
  • socializzazione, collaborazione ed integrazione;
  • motivazione ad imparare: viene favorito un atteggiamento curioso, di ricerca: è potenziata la capacità di usare le informazioni e la capacità di applicarle nei diversi contesti;
  • pensiero divergente: l’esame del problema attraverso un approccio individuale e differenziato che porti alla formulazione di diverse ipotesi e soluzioni; analisi dell’errore ed auto-correzione;
  • autonomia: sviluppo delle capacità critiche e dell’indipendenza dall’insegnante e dall’adulto in generale.

Indispensabile per lo sviluppo del bambino è il riferimento costante all’esperienza. Secondo il metodo Montessori l’esperienza non è intesa come semplice fare, ma come fare consapevole. Attraverso l’utilizzo dei materiali specifici presenti in classe, infatti, il bambino può sperimentare tutto ciò che viene teorizzato nelle diverse materie di insegnamento e diventare un soggetto attivo nel processo di apprendimento. Si parla pertanto di sperimentazione attiva.

Ciò avviene attraverso alcuni semplici punti: riflettere, prendere coscienza, paragonare fatti e azioni con esperienze precedenti proprie o altrui, confronto con ciò che si è capito essere vero, giudizio finale. Dalla libertà della mente deve emergere quella della disciplina che consentirà al bambino di affrontare la vita con fare responsabile.

Insegnati qualificate rivolgono la loro attenzione al bambino nel suo insieme, attribuendo pari valore sia all’acquisizione del programma didattico svolto che allo sviluppo armonico della personalità.

Le proposte elaborate all’interno del curricolo scolastico sono dunque tese ad evidenziare l’individualità e la “singolarità” di ciascun bambino in modo che egli possa esprimersi al meglio e valorizzare le proprie capacità, abilità e competenze.

Il contatto costante tra allievi, insegnanti, genitori e pedagogista è indispensabile per la realizzazione di tale progetto.

[/unordered_list]

Indispensabile per lo sviluppo del bambino è il riferimento costante all’esperienza. Secondo il metodo Montessori l’esperienza non è intesa come semplice fare, ma come fare consapevole. Attraverso l’utilizzo dei materiali specifici presenti in classe, infatti, il bambino può sperimentare tutto ciò che viene teorizzato nelle diverse materie di insegnamento e diventare un soggetto attivo nel processo di apprendimento. Si parla pertanto di sperimentazione attiva.

Ciò avviene attraverso alcuni semplici punti: riflettere, prendere coscienza, paragonare fatti e azioni con esperienze precedenti proprie o altrui, confronto con ciò che si è capito essere vero, giudizio finale. Dalla libertà della mente deve emergere quella della disciplina che consentirà al bambino di affrontare la vita con fare responsabile.

Insegnati qualificate rivolgono la loro attenzione al bambino nel suo insieme, attribuendo pari valore sia all’acquisizione del programma didattico svolto che allo sviluppo armonico della personalità.

Le proposte elaborate all’interno del curricolo scolastico sono dunque tese ad evidenziare l’individualità e la “singolarità” di ciascun bambino in modo che egli possa esprimersi al meglio e valorizzare le proprie capacità, abilità e competenze.

Il contatto costante tra allievi, insegnanti, genitori e pedagogista è indispensabile per la realizzazione di tale progetto.

partner2 CRA Cortina